www.tuttosulcane.com - Home Page
Login Area Riservata
 
Password?
Registrati adesso!!
 

Cura del Cane - Le 5 cose da sapere per soccorrere al meglio il vostro cane


Nella cura del cane, qualunque sia l’emergenza è importante conoscere le seguenti regole generali:

    1. Evitate manifestazioni di panico, isteria o angoscia. Potrebbero influenzare negativamente il vostro operato e si trasmetterebbero al cane, rendendolo più pauroso e meno cooperativo. Mantenete la calma, accarezzate il cane e parlategli dolcemente rassicurandolo.

    2. Non date niente da mangiare o da bere al cane a meno che non ve lo consigli il veterinario, allo stesso modo non fate rimettere il cane.

    3. Ricordate che un cane che prova dolore potrebbe cercare di mordervi, rassicuratelo e carezzatelo, se il dolore è troppo è necessario un sedativo prima di intervenire, non c’è perciò niente che possiate fare.

    4. Il vostro intervento serve a non far peggiorare la situazione o a stabilizzarla così da poter trasportare il cane. Portate il cane dal veterinario dopo la fase del Primo Soccorso, in ogni caso lui dovrà visitare il cane anche se a voi sembra che il cane sia tornato alla normalità.

    5. Avvertite in anticipo il veterinario del vostro arrivo, spiegando le modalità dell'incidente ed i sintomi che l'animale manifesta.

Il kit di primo soccorso, da tenere in casa e da portare con voi in vacanza, dovrà contenere:

Acqua ossigenata, soluzione fisiologica, collirio antibiotico, antipiretici, siero antivipera, pinze per l'eliminazione di corpi estranei, garze, cerotti, cotone idrofilo e fasce di varie misure, forbice, stecche piatte, coperte calde e siringa.

Vediamo ora cosa e come fare nel caso in cui vi trovaste a dover affrontare una situazione di emergenza.

Sanguinamento Arginare il sanguinamento applicando una ferma pressione sulla ferita, dopo averla coperta con pezzi di tessuto di cotone, asciugamani, lenzuola o simili. Se il tessuto si impregna troppo in fretta e comincia a trasudare, applicatene altri strati.

Ferite a muscoli, legamenti, tendini e ossa Cercate di muovere gli arti il meno possibile. Se la frattura è scomposta, ovvero l’osso è visibile, copritelo con un tessuto leggero per evitare infezioni. Steccate l’osso rotto solo se la pelle è integra e se sapete esattamente come fare, altrimenti procurerete solo inutile dolore al cane. Se il cane vuole leccare la ferita lasciatelo fare, la saliva ha proprietà antisettiche.

Bruciature o scottature Se la pelle è intatta sciacquare con abbondante acqua fredda, altrimenti limitatevi a coprire la ferita. Non applicate creme o olii. Le ustioni importanti vanno trattate dal veterinario mantenendo umida la parte interessata con un tessuto bagnato durante il trasporto.

Folgorazione elettrica Appena vi accorgete che il vostro cane è stato folgorato, spegnete l’interruttore dell’elettrodomestico che è fonte di corrente. Se non riuscite a farlo, allontanate l’animale usando oggetti di materiale non metallico.

Ipotermia Se il cane è bagnato pensate, come prima cosa ad asciugarlo accuratamente. Scaldatelo coprendolo con diversi strati di coperte, tra le quali inserirete borse di acqua calda. Non scaldate il cane troppo in fretta avvicinandolo a fonti di calore, la sua pelle, congelata o quasi, potrebbe facilmente ustionarsi.

Colpo di calore Dovete procedere cercando di abbassare velocemente la temperatura corporea. Fatelo utilizzando panni bagnati con acqua fredda o liquidi che evaporano facilmente come aceto o alcool. Potete anche usare fon con aria fredda o ventilatori. Fategli bere tutta l’acqua fredda che riesce a bere.

Corpi estranei nell’occhio Immobilizzate il cane in modo da evitare che riesca a toccarsi l’occhio con le zampe. Rimuovete il corpo estraneo usando acqua, o meglio, soluzione fisiologica. Se possibile spruzzate l’acqua lateralmente, non in perpendicolare all’occhio, usando una siringa senza ago.

Zecche Aprite il pelo per avere una maggiore visione del parassita, e bagnate la zona con olio e disinfettante. Usando delle pinzette, afferrate la zecca saldamente ed esercitate una torsione con moto rotatorio come se doveste estrarre una vite. Una volta che vi siete assicurati di aver estratto il pungiglione, disinfettate abbondantemente la ferita e controllatela nei giorni seguenti per accertarvi che la ferita non sia troppo arrossata a causa di una successiva infezione.

Ingestione di corpi estranei Immobilizzate il cane e aprite la bocca nel tentativo di afferrare l’oggetto ingoiato. Se non esce con una moderata trazione non tirate oltre. Cercate di fargli espellere l’oggetto esercitando una moderata pressione al torace ad intermittenza. Se le dimensioni del cane lo permettono, date i colpi al torace tenendo il cane per le zampe a testa in giù. Non cercate di rimuovere lacci o corpi estranei lunghi già parzialmente ingoiati dal cane.

Ingestione di veleni Fate bere al cane più acqua possibile. Non cercate di farlo rimettere se non consigliati dal veterinario. Portate al veterinario un campione del veleno (medicinale, detersivo, liquido tossico, alimento proibito ect) ingerito.



Condividi questo articolo:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Delicious Condividi su Segnalo Condividi su Splinder Condividi su Technorati Condividi su OkNotizie